Pax Appeal

PaxAppeal è uno stato d’animo e d’intelletto che ATTRAE alla “facilitazione” della conflittualità. Opera con magnetismo emozionale e approccio creativo alla ragionata e pacifica composizione delle liti.

Vai alla sezione

Progetto Comm-Unico

Progetto Comm-Unico è un progetto strategico di base per la diffusione della Conciliazione e Mediazione delle liti in Italia. Prevede intuizioni e visioni sulla Mediazione basate sull’ uso della Telematica, e fa emergere la figura del facilitatore, come professionista Negoziatore di parte.

Vai alla sezione

Pensatoio Think-tank

In questa sezione sono raccolti gli spunti di riflessione dello Studio del Dottor Gian Marco Boccanera, in termini di serbatoio di pensiero creativo (creative think-tank). 

Vai alla sezione

Il Pensatoio Think Tank

Mediazione finalizzata alla Conciliazione e durata dei processi italiani

. Posted in Think Tank

 

Sono noti a tutti i tempi biblici di risoluzione delle controversie tra privati, tra aziende,  o tra gli uni e le altre, che intasano di carte e di faldoni  i Tribunali e le Corti di tutta Italia.

L’ingiustificata durata dei processi civili (ma anche amministrativi) è stata più volte rimproverata all’Italia dalla Corte di Giustizia europea. Non è bastato al Parlamento Italiano varare una legge (legge “Pinto”) che mette a disposizione risarcimenti pecuniari a carico dello Stato e a favore di chi si è trovato imbrigliato in lunghi e defatiganti processi oltre la ragionevole durata, avendone per ciò stesso un automatico e reale danno.

Come l'Ospedale è il luogo di cura del Corpo leso, così il Tribunale è il luogo di cura del Diritto leso.

Ascolta La Conciliazione e la Cura.mp3

Da tempo mi piace usare questa efficace metafora per evidenziare la "CURA" necessaria, tanto del corpo quanto del diritto. Tuttavia l'estenuante durata dei processi non è più accettabile in un Paese moderno, soprattutto in questi momenti di grave Crisi economica e sociale, che necessitano di adeguamenti veloci, continui e giornalieri in tutti gli aspetti del vivere civile, per meglio fronteggiare le asperità del ciclo.

Ci vuole un cambiamento del modo di fare, e prima ancora del modo di pensare, di porsi di fronte ad un conflitto, nato o insorgendo, che vede contrapposti due o più interessi.

Spesso l'esito del giudizio sopravviene dopo anni e anni di attesa di giustizia, di giustizia sospesa o denegata, quando ormai qualsiasi provvedimento reso è poco utile:

  • è poco utile: ai fini della conservazione dei rapporti tra le parti, che ormai sono giunte all'incomunicabilità totale, e all’allontanamento tra loro, poiché logorate in anni e anni di bizantinismo di processi;

 

  • è poco utile: poiché il giudicato civile è percepito come un giudicato imposto, alla formazione del quale le parti non sentono di aver contribuito per nulla, e spesso non è pienamente condiviso neppure dalla parte vittoriosa;

 

  •  è poco utile: poiché interviene dopo un periodo lunghissimo, al termine del quale qualcuna delle parti potrebbe  addirittura non esistere più;

 

  •  è poco utile: poiché a fronte  dell'analisi costi-benefici, i costi del mantenimento in causa del proprio diritto fino al completo riconoscimento si dilatano, sottraendo ulteriori risorse ad entrambe le parti,  e gravano maggiormente sulla parte che, già lesa economicamente o finanziariamente, deve pure sostenere e anticipare le spese di giudizio, senza idea sulla loro previa quantificazione.

Spesso la durata indefinita del processo civile non porta alcun giovamento né all’attore né al convenuto, poiché la certezza del diritto viene resa in tempi non più utili alle circostanze, e a costi, soprattutto sociali, di rilievo.

La MEDIAZIONE finalizzata alla Conciliazione delle CONTROVERSIE  al di fuori delle aule dei Tribunali è una forma di RISOLUZIONE DEI CONFLITTI TRA INTERESSI OPPOSTI,   che sta diffondendosi in modo sempre maggiore. Gli addetti ai lavori parlano di “alternative dispute resolution” ADR, risoluzione alternativa delle controversie, di matrice anglosassone, ma efficacemente utilizzabile anche dalle nostre parti.  Nata e sviluppata in Paesi di Common Law,  la Conciliazione professionale si è diffusa efficacemente anche nei Paesi, come il nostro, di Civil Law.

Il Legislatore nazionale ha ormai stabilito Legge quadro e Decreti attuativi per la diffusione effettiva di questo importante istituto di Democrazia e di Giustizia sostanziale.   Così non era quanto ho realizzato il  Progetto Comm-Unico a marzo 2009: a quella data il panorama Legislativo era tutto da completare.

La Legge 69/2009 (Manovra Estiva dell’agosto 2009)  pone la CONCILIAZIONE sotto i riflettori della meritata importanza, sia perché viene consacrata come istituto da inserire nel codice di procedura civile e da applicare al contenzioso civile, sia perché vengono chiariti alcuni aspetti sulla efficacia degli effetti rispetto alla soccombenza delle spese di giudizio.

Alla Legge quadro ha fatto seguito il primo Decreto Legislativo di attuazione: il DLgs n° 28 del 04.03.2010 (in G.U. n° 53 del 05.03.2010) che ha stabilito la Conciliazione quale condizione di procedibilità per avviare la causa in Tribunale, in alcune materie in cui alta è la densità osservata di contenzioso (i.e: condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento danni da circolazione veicoli e natanti, risarcimento danno da diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità, risarcimento danno da colpa medica, contratti assicurativi, contratti bancari, contratti finanziari).

Tale condizione di procedibilità (art 5 comma 1) ha spiegato efficacia a partire dal giorno 20 marzo 2011 compreso.  Mentre per la parte relativa a Condominio e Risarcimenti stradali c’è stato un differimento al 20.03.2012  previsto dal cd “Decreto Milleproroghe” Legge 26.02.2011 n° 10  (“Il termine di cui all’art 24 comma 1 del DLgs 04.03.2010 n° 28 è prorogato di dodici mesi, limitatamente  alle controversie in materia di condominio e di risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti”).

Il successivo Decreto Ministeriale D.M. n° 180 del 18.10.2010 (pubblicato in G.U. n° 258 del 04.11.2010) è entrato in vigore il giorno 05 novembre 2010.  Regola le modalità di iscrizione al Registro degli Organismi di Conciliazione con i rispettivi elenchi dei mediatori, prevedendone anche specializzazioni nella materia internazionale mediante possesso di adeguate conoscenze linguistiche. Nel D.M. è scritto che il regolamento del Centro di Conciliazione “non può prevedere che l’accesso alla mediazione si svolge esclusivamente attraverso modalità telematiche” (art 7 comma 4).

L’utilizzo dell’avverbio “esclusivamente” a circoscrivere l’utilizzo delle modalità telematiche nella mediazione, non sembra vietarle. Anzi.

Significa poterne consentire lo svolgimento per la maggior parte in modalità telematica e remotizzata, come da me auspicato nella Mediazione Facilitata, e magari solo per la sottoscrizione dell’accordo finale recarsi di persona e de visu presso il Centro di Conciliazione, oppure con firma digitale della parti.

In tal modo il divieto di legge è fatto salvo, poiché la procedura di Mediazione Facilitata verrebbe svolta PRINCIPALMENTE, e non “esclusivamente”, in modalità digitale e telematica, dovendosi ricorrere alla sottoscrizione di persona dell’accordo finale presso il Centro, oppure mediante sottoscrizione con firma digitale.

 

La Conciliazione facilitata: ambito sperimentale.mp3

Contatti

c_Telefono Telefono
+39 06.77.07.36.80
c_Skype Skype
gian.marco.boccanera
c_Agenda Appuntamento
richiedilo qui!
c_Email

Clicca qui per inviarci una mail

Consulenza-prepagata-bottone 

Consulenza prepagata 

Libri

Disponibile il nuovo Libro Atti Convegno PaxLab "Conciliazione: Un'Opportunità per il Sistema-Paese?

Nuove frontiere per lo sviluppo strategico delle professioni liberali"

Compra ora il libro

Ancora disponibile Libro su "Conciliazione & Strategia: Meme evolutivo del Sistema-Paese" .

Compra ora il libro

 

La Carta dei Servizi


 

Ci trovi su...

social_facebook_box_blue_128googleplus_box_red_64social_twitter_box_blue_128youtube_logosocial_linkedin_box_blue_128studioboccanera xingsocial_rss_box_orange_128

 



Network

Cerca

images

 

Aforismi e Philosophia

M.Twain

Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avrete fatto, ma di quelle che non avrete fatto.        ... Read More...
IMAGE Oscar Wilde (uno)

      Sono solo i superficiali a non giudicare dalle apparenze. Oscar Wilde   GUARDA IL VIDEO>> Read More...
J.M.Keynes

L'amore del denaro come possesso... sarà riconosciuto per quello che è: una passione morbosa, un po' ripugnante, una di quelle propensioni a metà... Read More...
F.Nietzsche 2

Tutti gli uomini, di tutte le epoche, e ancora oggi, si dividono in schiavi e liberi perché chi non dispone di due terzi della sua giornata è uno... Read More...
Machiavelli (dieci)

Dal momento che l'amore e la paura possono difficilmente coesistere, se dobbiamo scegliere fra uno dei due, è molto più sicuro essere temuti che... Read More...
Machiavelli (nove)

Dove men si sa, più si sospetta.... Read More...
Machiavelli (otto)

Dove men si sa, più si sospetta.... Read More...
Machiavelli (sette)

Dove c'è una grande volontà non possono esserci grandi difficoltà.... Read More...
Edoardo 1

In questa vita nessuno può mettere il punto. Esiste soltanto il punto e... Read More...
Edoardo2

Signore, dammi il coraggio di cambiare la cose che possono essere cambiate, dammi la forza di accettare quelle che non possono essere cambiate e... Read More...
IMAGE Anthony Crosland

 Quelle stesse cose che una generazione considera un lusso, sono considerate dalla generazione successiva una necessità.... Read More...
John Maynard Keynes

Non è tanto difficile realizzare le idee nuove, quanto sfuggire  alle vecchie, radicate in ogni angolo del nostro... Read More...
IMAGE Gilbert K. Chesterton

      La differenza tra costruzione e creazione? La prima si può amare quando la si vede. La seconda si ama prima ancora che... Read More...
S. Agostino

La misura dell'amore è amare senza... Read More...
Eduardo

In questa vita nessuno può mettere il punto. Esiste soltanto il punto e... Read More...